3 consigli nutrizionali per recuperare meglio dopo un infortunio

19 settembre, 2018 ,

Gli infortuni muscolo-scheletrici come distorsioni, fratture e stiramenti sono molto frequenti tra le persone che conducono una vita attiva. Rappresentano più del 50% degli infortuni tra gli sportivi. Sapevate che è possibile ottimizzare la propria alimentazione per favorire la guarigione dopo un infortunio? Ecco 3 consigli per aiutarvi!

1. Distribuite correttamente il vostro apporto di proteine

Per riparare i tessuti ed evitare le perdite di massa muscolare è fondamentale assumere un rapporto ottimale di proteine. Per massimizzare la sintesi proteica (ossia la formazione di proteine a partire dagli aminoacidi, le loro unità di base), occorre assumere almeno quattro pasti o spuntini al giorno che contengano da 20 a 25g di proteine di alta qualità. Inoltre uno di questi pasti o spuntini ricchi di proteine dovrebbe essere consumato subito dopo la sessione di riabilitazione (fisioterapia o altro). Ecco alcuni esempi di alimenti che contengono circa 20g di proteine:

  • 90 g di carne cotta
  • 120 g di pesce o frutti di mare cotti
  • 80 g di tonno in scatola
  • 3 uova grandi
  • 150 g di tofu
  • 200-250 g di legumi (secondo il tipo)
  • 175 g di yogurt greco
  • 60 g di formaggio
  • 120 g de noci di vario tipo (748 calorie)

2. Gestite con attenzione il vostro apporto calorico

Solitamente in presenza di un infortunio il dispendio energetico legato all’esercizio fisico diminuisce, e quindi occorre diminuire il proprio apporto calorico per evitare di prendere peso. Agire in questo modo può risultare abbastanza difficile, poiché non siamo abituati a mangiare di meno. Per evitare un aumento di grasso corporeo occorre preferire gli alimenti a bassa densità energetica (ossia che contengono poche calorie in rapporto alla loro quantità) come le verdure e la frutta. Dato che il dispendio energetico è minore, bisogna ridurre gli apporti di glucidi, ad esempio diminuendo il consumo di carboidrati. All’opposto è necessario mantenere un elevato rapporto di proteine, che danno sazietà e contribuiscono alla guarigione degli infortuni. Bisogna tenere a mente che un apporto energetico troppo limitato (al di sotto del proprio fabbisogno) può avere un impatto negativo sulla sintesi proteica e sulla rigenerazione dei tessuti, e pertanto non è consigliabile. Non esitate a consultare un nutrizionista dello sport per aiutarvi a gestire al meglio il vostro apporto calorico.

3. Provate un integratore di gelatina e di vitamina C

La salute dei tessuti muscolo-scheletrici come tendini, legamenti, cartilagini e ossa dipende dal loro contenuto di collagene. La vitamina C è utile perché favorisce la sintesi del collagene. Alcuni studi preliminari suggeriscono che un integratore di gelatina assunto con della vitamina C può favorire la sintesi del collagene e accelerare così la guarigione degli infortuni muscolo-scheletrici. La dose raccomandata è di 5-15 grammi di gelatina con 50mg di vitamina C, da assumere 30-60 minuti prima dell’esercizio fisico o della sessione di riabilitazione. Occorrono però altri studi per confermare gli effetti di questo integratore sulla guarigione dagli infortuni.


Fonti

The following two tabs change content below.

Autori

Kathryn Adel

Kathryn Adel

Kathryn è titolare di una laurea in kinesiologia e una in alimentazione, e di un master in alimentazione sportiva. È membro dell’OPDQ e dell’Academy of Nutrition and Dietetics. Atleta di mezzofondo, ha corso per la squadra olimpica di Montréal e il Rouge et Or. Kathryn è specializzata in alimentazione sportiva, perdita di peso, diabete, salute cardiovascolare e gastrointestinale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *