6 nutrienti a cui i vegani dovrebbero prestare attenzione

27 marzo, 2017 , ,

Le diete vegane non sono certo una novità, ma per i vegani ancora agli inizi possono essere complicate da bilanciare correttamente. Di solito questi 6 nutrienti sono difficili da ottenere in quantità sufficienti seguendo una dieta vegana se non si fa una certa attenzione. Ecco alcuni consigli e ricette per aiutare i vegani debuttanti a mangiare correttamente.

Le proteine

Bistecche di tofu

Bistecche di tofu

Spesso la prima cosa che ci si sente dire quando si diventa vegani, è che si corre il rischio di non assumere abbastanza proteine. Si tratta però di un’affermazione molto lontana dalla verità. Con una dieta ben bilanciata, i vegani possono attingere da molte fonti di proteine.

  • I fagioli, i legumi, la soia e le lenticchie sono facili da inserire nelle proprie ricette e possono avere diverse consistenze e sapori.
  • Gli pseudocereali come la quinoa sono l’ideale per arricchire minestre, insalate e sughi e hanno un sapore e un gusto davvero delizioso.
  • La frutta a guscio e i semi sono eccezionalmente nutrienti, e contengono proteine, grassi buoni, vitamine e sali minerali.

Tutti questi alimenti hanno delle consistenze e delle preparazioni diverse; questo li rende sia delle ottime basi per delle ricette, sia per un saporito contorno o uno spuntino. I vegani alle prime armi potrebbero meravigliarsi di scoprire che hanno molti più alimenti a loro disposizione di quanto pensavano!

Il ferro

Hamburger di tofu

Hamburger di tofu

La carenza di ferro è un problema comune non solo per i vegani, ma anche per le persone che consumano prodotti di origine animale. Tuttavia, dato che la carne è una fonte molto importante di ferro nella maggior parte dei regimi alimentari, diventare vegani può mettere a rischio la nostra salute. E’ estremamente importante assicurasi di assumere abbastanza ferro per evitare l’anemia ferropriva che può generare sintomi come spossatezza e letargia. Certe volte però non è sufficiente mangiare alimenti ricchi di ferro – gli stessi integratori di ferro non sono concepiti per essere assunti da soli. Per un migliore assorbimento, e noterete che si tratta di un tema piuttosto ricorrente, la varietà è fondamentale. Assicuratevi anche di assumere vitamina C a sufficienza, poiché permette di migliorare l’assorbimento del ferro proveniente da fonti vegetali. La vitamina C è presente in molta frutta e verdura, ma in particolare negli agrumi e nei loro succhi, nelle fragole, kiwi, broccoli, patate e pomodori.

Pagine: 1 2 3 Pagina successiva

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *