An Error Occurred: Internal Server Error

Oops! An Error Occurred

The server returned a "500 Internal Server Error".

Something is broken. Please let us know what you were doing when this error occurred. We will fix it as soon as possible. Sorry for any inconvenience caused.

Dieta a basso contenuto di FODMAP

15 marzo, 2015 , , ,

La sindrome dell’intestino irritabile (SII) è il disturbo gastrointestinale più diffuso al mondo, che colpisce  in particolare fino al 30% degli italiani.

I sintomi di questo disturbo funzionale, spesso debilitante, comprendono dolore addominale, gonfiore, stitichezza o diarrea.

Porre l’accento sugli alimenti fermentanti

La dottoressa australiana Sue Shepherd, nutrizionista, e il gastroenterologo australiano Peter Gibson, hanno messo a punto con i loro colleghi un nuovo metodo dietologico per affrontare la SII. Gli studiosi affermano che questo approccio riduce in buona parte dei loro pazienti i sintomi legati alla SII. Lo hanno chiamato dieta a basso contenuto di FODMAP (Fermentable Oligo-, Di-, and Mono-saccharides, and Polyols, in italiano: Oligo, Di e Monosaccaridi e Polioli Fermentanti)*.

Questa dieta focalizza  l’attenzione sui seguenti elementi:

  • Oligosaccaridi (ad esempio fruttani e galattani);
  • Disaccaridi (ad esempio il lattosio);
  • Monosaccaridi (ad esempio glucosio, fruttosio);
  • Polioli (ad esempio sorbitolo, mannitolo, maltitolo, xilitolo e isomalto).

Si ipotizza che gli alimenti che fermentano nell’intestino provochino degli effetti secondari fastidiosi che imitano o amplificano i sintomi della SII. Alcuni alimenti fermentano più facilmente di altri.

food basket, paniel d'aliments

Shepherd e i suoi colleghi sostengono che ai pazienti che soffrono di SII, gli alimenti contenenti dei FODMAP possono provocare gonfiori e diarrea, e che questi sintomi sembrano diminuire quando si limita il consumo totale di tutti i FODMAP o di alcuni FODMAP in particolare.

Un approccio mirato

La dieta a basso contenuto di FODMAP inizia con l’eliminazione di tutti i FODMAP per un periodo che va da 6 a 12 settimane; in seguito vengono gradualmente reintrodotti, fino a che il paziente raggiunge un apporto tollerabile. Idealmente, i sintomi della SII si attenueranno durante il periodo di restrizione e rimarranno stabili quando il paziente reintrodurrà a poco a poco nella sua dieta delle quantità limitate di FODMAP.

Per poter avere la garanzia di soddisfare il vostro fabbisogno nutrizionale quotidiano, è importante chiedere sempre il parere del vostro fornitore di cure mediche prima di eliminare o limitare degli alimenti dal vostro abituale regime alimentare.

Fonte : Régime appauvri en FODMAP, Société canadienne de recherche intestinale

*I FODMAP sono dei glucidi che fermentano nell’intestino, in parte responsabili dei sintomi nelle persone che soffrono di colon irritabile. Per maggiori informazioni, leggete quest’articolo.

The following two tabs change content below.

Autori

Gastrointestinal Society / Société gastrointestinale

As the Canadian leader in providing trusted, evidence-based information on all areas of the gastrointestinal tract, the GI (Gastrointestinal) Society is committed to improving the lives of people with GI and liver conditions, supporting research, advocating for appropriate patient access to health care, and promoting gastrointestinal and liver health.

Gastrointestinal Society / Société gastrointestinale

Articoli recenti diGastrointestinal Society / Société gastrointestinale (vedi tutti)

Articles

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

An Error Occurred: Internal Server Error

Oops! An Error Occurred

The server returned a "500 Internal Server Error".

Something is broken. Please let us know what you were doing when this error occurred. We will fix it as soon as possible. Sorry for any inconvenience caused.