I funghi giapponesi, per il gusto e per la salute

7 settembre, 2018 ,

Tra le centinaia di funghi commestibili serviti normalmente sulle tavole dei giapponesi, solamente poche varietà hanno valicato i confini del paese del sol levante per giungere fino a noi. In questo articolo vi presenterò quelli che si trovano più facilmente nei nostri negozi di alimentari, perché può essere davvero vantaggioso aggiungerli alle nostre ricette, non solo per il loro sapore e le loro consistenze a volte veramente sorprendenti, ma anche per i loro effetti benefici sulla nostra salute.

I funghi, infatti, oltre ad avere un eccellente tenore di minerali e di vitamine del gruppo B, sono anche una preziosa fonte di vitamina D. Per questa ragione chi si espone di rado ai raggi del sole, o consuma poco o per niente pesce o latticini, ha tutto da guadagnare nel consumare funghi regolarmente.

Shiitake, il più conosciuto

È la specie di fungo più coltivata al mondo, dopo gli champignon. È anche uno dei pochi funghi giapponesi relativamente noti al grande pubblico. Il suo nome è composto da “shii”, un albero sul quale spunta nel suo habitat naturale, e da “take”, che significa “fungo”. Fresco o essiccato, il suo sapore deciso e il suo gradevole profumo lo rendono una prelibatezza. Gli shiitake essiccati devono essere reidratati a lungo prima di consumarli.

Shimeji, un sapore che ricorda la nocciola

Lo shimeji in realtà è un gruppo di funghi di forme e colori differenti accomunati dalla stessa consistenza deliziosamente croccante e dal caratteristico sapore di nocciola. È un fungo che sopporta bene la cottura e si adatta a diversi tipi di preparazione: saltato in padella o stufato, è perfetto per condire la pasta o come contorno.

Pagine: 1 2 Pagina successiva

The following two tabs change content below.

Autori

Cinzia Cuneo

Cinzia Cuneo
Cofondatrice e presidente di Sukha Technologies Inc.
Italiana di nascita e canadese d’adozione, Cinzia ha deciso di coniugare le sue competenze professionali e la sua passione per la buona tavola sviluppando un servizio per aiutare i numerosi «aventi bisogno» a riprendere il controllo della loro alimentazione. Così è nata SOSCuisine. Ingegnere di formazione al Politecnico di Torino, Cinzia ha conseguito un Master’s Degree in scienze applicate all’École Polytechnique de Montréal.

Cinzia Cuneo

Articoli recenti diCinzia Cuneo (vedi tutti)

Articles

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *