Il cannabidiolo (CBD) può ridurre l’infiammazione cronica e l’ansia?

1 marzo, 2019 ,

Il cannabidiolo (CBD) è un cannabinoide presente nella pianta della cannabis. Ultimamente sta acquisendo una certa popolarità. Viene venduto in varie forme, tra cui oli, capsule e infusi. Si ritiene che possa offrire molti vantaggi per la salute, tra cui proprietà rilassanti, antidolorifiche e antinfiammatorie. È questo il prossimo prodotto miracoloso?

Che cos’è il CBD?

Il cannabidiolo (CBD) è uno delle centinaia di cannabinoidi presenti nella pianta della cannabis (marijuana), chiamata anche canapa. È il secondo cannabinoide più studiato dopo il THC (Tetraidrocannabinolo). A differenza del THC, il CBD non sembra avere proprietà psicoattive, e di conseguenza non ha effetti euforizzanti.

Effetti terapeutici del CBD

Il cannabidiolo ha molte potenziali applicazioni terapeutiche, alcune delle quali sono attualmente oggetto di ricerca (tumori, sclerosi multipla, morbo di Parkinson, ecc.). L’applicazione più promettente riguarda il suo uso nel trattamento dell’epilessia. È tuttavia troppo presto per confermare la maggior parte degli effetti benefici del CBD. Alcuni studi suggeriscono che il suo consumo potrebbe aiutare a ridurre l’ansia o a ridurre il dolore e l’infiammazione, ma attualmente non ci sono prove scientifiche sufficienti per dimostrarlo.

Effetti sull’ansia

Il CBD, legandosi a recettori specifici nel corpo, può aiutare a ridurre l’ansia in eventi isolati. Per esempio, in un recente studio clinico, 300 mg di CBD hanno ridotto l’ansia in soggetti sollecitati a parlare in pubblico. Tuttavia, dosi più basse (150 mg) o più alte (600 mg) non hanno avuto alcun effetto sui livelli di ansia dei partecipanti. Perciò l’efficacia del CBD nel ridurre l’ansia in un singolo evento sembrerebbe essere in gran parte condizionata dalla quantità consumata. Il consumo cronico di CBD negli esseri umani non è stato però studiato approfonditamente. L’attuale evidenza scientifica suggerisce che l’uso del CBD ha il potenziale per aiutare a trattare i disturbi d’ansia cronici, ma al momento non ci sono dati scientifici sufficienti per raccomandarlo.

Effetti sul dolore e sull’infiammazione cronica

Molti studi hanno esaminato gli effetti della cannabis sul dolore cronico, ma pochi hanno valutato specificamente l’effetto isolato del CBD. Alcuni studi sui roditori suggeriscono che il CBD può aiutare a ridurre il dolore cronico e l’infiammazione. Tuttavia il suo effetto negli esseri umani non è noto. In breve, è ancora troppo presto per raccomandare il CBD come trattamento per l’infiammazione e il dolore cronico.

Assumere il CBD è sicuro?

La sicurezza del CBD è stata messa in discussione. Negli studi clinici sono stati riportati effetti collaterali minori in seguito all’uso del CBD, come affaticamento, diarrea e cambiamenti nel peso corporeo e nell’appetito. Il CBD inoltre può interagire con alcuni farmaci, quindi è importante consultare il proprio farmacista prima di decidere di assumere un integratore di CBD.

Un altro aspetto da considerare è il dosaggio. Gli studi suggeriscono che per ottenere gli effetti desiderati sono necessarie quantità di CBD molto più elevate di quelle che si trovano nella maggior parte degli integratori disponibili in commercio. D’altra parte, il contenuto degli integratori non è ben regolato, rendendo difficile sapere quale dose di CBD è effettivamente contenuta in un dato prodotto. È anche possibile che alcuni prodotti contengano contaminanti. In breve, bisogna rimanere vigili!

Fonti

  • Iffland et Grotenhermen (2017) An Update on Safety and Side Effects of Cannabidiol: A Review of Clinical Data and Relevant Animal Studies. Cannabis Cannabinoid Res; 2(1): 139–154.
  • Linares et coll. (2019) Cannabidiol presents an inverted U-shaped dose-response curve in a simulated public speaking test. J Psychiatry; 41(1):9-14.
  • Blessing et coll. (2015) Cannabidiol as a Potential Treatment for Anxiety Disorders. Neurotherapeutics;12(4):825-36.

Autori

Kathryn Adel
Kathryn è titolare di una laurea in kinesiologia e una in alimentazione, e di un master in alimentazione sportiva. È membro dell’OPDQ e dell’Academy of Nutrition and Dietetics. Atleta di mezzofondo, ha corso per la squadra olimpica di Montréal e il Rouge et Or. Kathryn è specializzata in alimentazione sportiva, perdita di peso, diabete, salute cardiovascolare e gastrointestinale. Kathryn ha molta esperienza con l'approccio FODMAP e ha completato la certificazione dell'Università Monash.

Leave a Reply

Your email address will not be published.

Questo sito web utilizza dei cookie per offrire la migliore esperienza utente e assicurare buone prestazioni, la comunicazione con i social network o la visualizzazione di annunci pubblicitari. Cliccando su "ACCETTO", acconsenti all'uso dei cookie in conformità con la nostra politica sulla privacy.

La nostra newsletter settimanale include:

  • Il tuo nuovo menu
  • Ricette e consigli su come mangiare sano
  • Ogni tanto, promozioni su prodotti e servizi di SOSCuisine e alcuni partner di fiducia
  • Ogni tanto, inviti ad aiutare la ricerca scientifica, rispondendo a sondaggi o participando a studi
  • Il tuo indirizzo email non sarà mai trasmesso a terzi e potrai ritirare il tuo consenso in qualsiasi momento.
SOSCuisine, 3470 Stanley, bureau 1605, Montréal, QC, H3A 1R9, Canada.