Perché escludere le proteine del latte vaccino o le proteine bovine ?

6 gennaio, 2021 , , , ,

Per alcuni bambini le proteine del latte vaccino o le proteine bovine contenute nel latte materno o nei preparati a base di latte possono essere difficili da digerire. Perciò sorge spontanea una domanda: può essere vantaggioso anche per gli adulti escludere i prodotti lattiero-caseari e le proteine bovine?

Per capire meglio lo scopo di queste esclusioni, cerchiamo prima di tutto di capire cos’è un’allergia alimentare.

Che cos’è un’allergia alimentare?

Esistono 2 tipi di allergie alimentari, le cosiddette allergie IgE-mediate e non IgE-mediate.

Le allergie IgE-mediate si verificano quando è coinvolto il sistema immunitario. In questo tipo di allergia, il corpo reagisce in modo eccessivo quando entra in contatto con una proteina che è innocua per la maggior parte delle persone. Questa reazione può essere scatenata da una quantità molto piccola di cibo, o anche solo dal contatto con esso. I sintomi di solito appaiono entro pochi minuti o anche 2 ore dall’ingestione del cibo.

Questi sintomi includono reazioni cutanee (orticaria, gonfiore, prurito, ecc.), reazioni gastrointestinali (dolore addominale, diarrea, vomito, ecc.) e difficoltà respiratorie.

Per la diagnosi si utilizzano test cutanei e un esame del sangue per misurare i livelli di IgE.

Si parla di allergia non IgE-mediata quando il sistema immunitario non viene coinvolto. Questo tipo di allergia è talvolta chiamato intolleranza. In questo caso, la reazione sarà proporzionale alla quantità di cibo ingerito, e i sintomi possono richiedere da 2 ore a diversi giorni prima di comparire.

I sintomi includono principalmente reazioni dell’apparato digerente: diarrea, vomito, dolore addominale, sangue e muco nelle feci…

Per fare una diagnosi, è importante osservare se i sintomi scompaiono una volta che l’alimento viene eliminato dalla dieta ed escludere altre probabili cause della reazione.

Cos’è l’allergia alle proteine del latte vaccino?

Questa allergia colpisce principalmente i neonati, e generalmente scompare intorno ai 18 mesi – 4 anni di età. L’allergia può anche svilupparsi nel tempo (adolescenza o prima età adulta) ma è un evento più raro, in quanto interessa meno dello 0,5% degli adulti. È un’allergia comune tra i neonati, come lo sono le allergie alle uova, alle arachidi, alla frutta a guscio, al grano, alla soia e ai frutti di mare. 

Il latte di mucca contiene due proteine principali che possono causare una reazione allergica: la caseina e il siero di latte. È possibile essere allergici a una o entrambe le proteine del latte. 

Per migliorare i sintomi, è essenziale che il bambino smetta di consumare la (o le) proteine che causano le allergie. Le proteine vengono trasmesse attraverso il latte materno, quindi una madre che allatta dovrà seguire una dieta che escluda le proteine del latte vaccino per far stare meglio il suo bambino. Il miglioramento è di solito osservabile nei giorni successivi all’esclusione dell’alimento dalla dieta della madre. Se il cibo viene reintrodotto nella dieta della madre, i sintomi si ripresenteranno rapidamente.

Se il bambino non è allattato al seno bisogna trovare un latte artificiale adatto, oppure escludere dalla dieta le proteine del latte vaccino contenute in yogurt, latte, gelato, formaggio, burro, panna acida e tutti gli alimenti trasformati che possono contenere latte o derivati del latte (biscotti, cioccolato, brodi, prodotti da forno, salse, patatine, dolci, ecc.).

È importante distinguere tra allergia alle proteine del latte vaccino e intolleranza al lattosio. Il lattosio è uno zucchero (carboidrato) contenuto nel latte, e in caso di intolleranza il corpo non è in grado di digerirlo perché l’enzima che permette questa digestione è prodotto in quantità insufficiente o addirittura assente. Pertanto, le persone con intolleranza al lattosio devono escludere il lattosio, ma possono continuare a consumare latticini senza lattosio: yogurt senza lattosio, formaggi come il Parmigiano, il Cheddar, il Groviera, ecc, che contengono quantità trascurabili di lattosio.

Pages: 1 2

Autori

Jennifer Morzier
Dietista-Nutrizionista membro dell’Albo professionale dei dietisti-nutrizonisti del Québec (OPDQ) , Jennifer è specializzata sia in nutrizione sportiva che in problematiche gastrointestinali, tra cui la dieta FODMAP. Jennifer propone una visione semplice, efficace e pratica riguardo la pianificazione dei pasti quotidiani.

Leave a Reply

Your email address will not be published.

Questo sito web utilizza dei cookie per offrire la migliore esperienza utente e assicurare buone prestazioni, la comunicazione con i social network o la visualizzazione di annunci pubblicitari. Cliccando su "ACCETTO", acconsenti all'uso dei cookie in conformità con la nostra politica sulla privacy.

La nostra newsletter settimanale include:

  • Il tuo nuovo menu
  • Ricette e consigli su come mangiare sano
  • Ogni tanto, promozioni su prodotti e servizi di SOSCuisine e alcuni partner di fiducia
  • Ogni tanto, inviti ad aiutare la ricerca scientifica, rispondendo a sondaggi o participando a studi
  • Il tuo indirizzo email non sarà mai trasmesso a terzi e potrai ritirare il tuo consenso in qualsiasi momento.
SOSCuisine, 3470 Stanley, bureau 1605, Montréal, QC, H3A 1R9, Canada.