Tutto quello che avreste sempre voluto sapere sui postumi della sbornia

13 dicembre, 2018 ,

Dopo un pasto o una festa annaffiati da abbondanti libagioni, quando si arriva ad assumere 1,5g d’alcol per kg corporeo (da 3 a 5 consumazioni per una persona di 60 kg), ci si ritrova quasi sempre a soffrire di mal di testa, nausea e fastidiosi sintomi digestivi.

Sono i «postumi della sbornia», come vengono comunemente chiamati.I sintomi della «veisalgia» (il termine medico che indica i postumi della sbornia), si manifestano diverse ore dopo il consumo di alcol, nel momento in cui il tasso di alcol nel sangue si abbassa fino ad avvicinarsi allo zero. In genere la veisalgia è associata a ritmo cardiaco accelerato, calo della pressione arteriosa mentre ci si alza e deficit cognitivi. Questi sintomi sono avvertiti maggiormente dai bevitori occasionali. Sebbene si tratti di un fenomeno molto comune, non è ancora stato oggetto di esaustivi studi scientifici.

COSA FARE IN CASO DI POSTUMI DELLA SBORNIA:

Bere:

  • Molta acqua, anche se non avete sete, per reidratarvi
  • Dei succhi di frutta, se li preferite, evitando però quelli troppo acidi, come il succo d’arancia
  • Un succo di verdure o di pomodoro, una tisana alla menta o allo zenzero sono delle valide alternative

Mangiare:

  • Un brodo poco salato, non troppo grasso, anche se non avete fame
  • Dei cracker, o del pane grigliato, con un po’ di miele o sciroppo d’acero
  • Non appena ve la sentite, mangiate una banana o un uovo in camicia, che sono molto facili da digerire

Dormire:

  • Riposatevi e dormite più che potete, per dare al vostro fegato il tempo di digerire l’alcol

Assumere:

  • Un antiinfiammatorio come l’ibuprofene (Moment®, Nurofen®, o un generico), per alleviare il mal di testa

Evitare:

  • L’alcol, le bevande e gli alimenti molto acidi, gli alimenti ricchi di grassi
  • Il tè, il caffè e tutto ciò che contiene caffeina, come bevande alla cola o cioccolato
  • L’acido acetilsalicilico (Aspirina® o generico) che irrita lo stomaco, e il paracetamolo (Acetamol®, Panadol® o generico) che sollecita troppo il fegato, già impegnato a degradare l’alcol
  • I sonniferi, che non vanno assolutamente d’accordo con l’alcol
  • Alcuni prodotti attualmente in commercio per curare i postumi della sbornia, derivati da una pianta chiamata kudzu (Pueraria lobata). Molto spesso vengono preparati utilizzando le radici, invece che i fiori, e fanno più male che bene

COME PREVENIRE I POSTUMI DELLA SBORNIA:

  • Prima di assumere molto alcol, mangiate dei cibi ricchi di grassi, poiché le sostanze grasse degli alimenti possono rallentare l’assorbimento dell’alcol e proteggere il tubo digerente dagli acidi prodotti durante la digestione dell’alcol
  • Prendete 1g di vitamina C prima di assumere alcol, perché può accelerarne l’eliminazione
  • Cercate di bere lentamente nel corso della festa; limitatevi a una consumazione alcolica ogni ora
  • Bevete acqua, succo di frutta o una bevanda non alcolica tra un drink alcolico e l’altro
  • Evitate le bevande alcoliche gassate e i cocktail contenenti bevande gassate, poiché le bollicine accelerano gli effetti dell’alcol
  • Fate delle pause per mangiare qualcosa, ma evitate gli alimenti troppo salati. Sembra che il miele acceleri il processo di eliminazione dell’alcol
  • Evitate di restare per troppo tempo in luoghi rumorosi, pieni di fumo o illuminati con luci troppo brillanti

 

The following two tabs change content below.

Autori

Cinzia Cuneo

Cinzia Cuneo
Cofondatrice e presidente di Sukha Technologies Inc.
Italiana di nascita e canadese d’adozione, Cinzia ha deciso di coniugare le sue competenze professionali e la sua passione per la buona tavola sviluppando un servizio per aiutare i numerosi «aventi bisogno» a riprendere il controllo della loro alimentazione. Così è nata SOSCuisine. Ingegnere di formazione al Politecnico di Torino, Cinzia ha conseguito un Master’s Degree in scienze applicate all’École Polytechnique de Montréal.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *