I 5 migliori trucchi per fare un buon viaggio, anche con la sindrome dell’intestino irritabile

2 febbraio, 2016

Potrà sembrarvi impossibile di poter viaggiare senza noie se soffrite della sindrome dell’intestino irritabile (SII), ma non vi preoccupate, non ce n’è motivo! Qui di seguito vi presento i miei migliori consigli per un viaggio senza problemi!

1. Stabilite e mantenete una routine

Più facile a dirsi che a farsi, eppure, vale la pena provarci. Il corpo è abituato a una certa routine, cercate il più possibile di conservarla anche se vi trovate a viaggiare fuori dal paese o ad attraversare diversi fusi orari. Tuttavia, se non riuscite a mantenere una perfetta routine durante il viaggio, non vi preoccupate troppo e ricordate che siete in vacanza per divertirvi, perciò approfittatene!

Se non l’avete già fatto, integrate l’attività fisica al vostro tran-tran quotidiano. Oltre ad avere numerosi vantaggi sulla vostra salute fisica, l’esercizio permette anche di gestire meglio i periodi di stress, come uno spostamento o un viaggio, e di staccare dallo stress  della vita di tutti i giorni. Integrate l’esercizio tra le vostre abitudini e continuate a farlo anche in vacanza.

2. Individuate quali alimenti vi creano problemi ed evitateli

Il momento migliore per provare dei nuovi alimenti non è certo durante un viaggio. Se nel corso della vostra alimentazione a basso contenuto di FODMAP siete ormai pronti alla reintroduzione, è meglio prolungare di qualche settimana i vostri test alimentari e proseguire con la fase di eliminazione per tutta la durata del viaggio.  Il cambiamento di contesto ambientale rischia di falsare i risultati dei test alimentari e di compromettere la possibilità di avere un’alimentazione più varia.

Un altro consiglio è di portare con voi qualche alimento secco al quale siete abituati per fare colazione. Dei cereali o dei sacchetti di muesli, ad esempio, vi consentiranno di iniziare la giornata col piede giusto. Nella maggior parte degli hotel, disporrete di un frigo; potreste quindi fare un giro in un supermercato locale e fare il pieno di frutta a basso contenuto di FODMAP per accompagnare la vostra colazione e i vostri spuntini. Se avete una cucina a disposizione, perché non preparare voi stessi qualche pasto? Oltre a fare un po’ di economia, sarete certi di quello che mangiate, dando così un poco di riposo al vostro intestino.

Se dovete mangiare spesso al ristorante, vi diamo appuntamento qui per sapere cosa ordinare quando mangiate fuori mentre si segue un’alimentazione a basso contenuto di FODMAP.

3. Riducete il vostro livello di stress

yoga-774243_1280

Nonostante questo consiglio vada bene sempre e per tutti quanti, è ancora più importante per chi soffre di sindrome dell’intestino irritabile, e che si trova in viaggio. Pianificando in anticipo le vostre attività e spostamenti, ridurrete il livello di stress durante il viaggio.

Esistono numerosi metodi per gestire lo stress, e sono tutti altrettanto validi, finché funzionano per voi! La visualizzazione, la meditazione e lo yoga sono tra i miei favoriti. Inoltre, la meditazione e lo yoga sono stati validati da alcuni studi come metodi efficaci nella gestione dei sintomi della SII.

4. Siate pronti in caso di urgenza

Anche con una straordinaria pianificazione, può accadere che capitino delle urgenze. Ancora una volta, la preparazione è fondamentale. Portate con voi i seguenti strumenti per gestire la situazione.

Ecco qualche sito web e qualche applicazione che vi permetteranno di trovare le toilette pulite e sicure un po’ dovunque nel mondo (disponibile solo in inglese).

Se conoscete altre applicazioni particolarmente utili, non esitate a farcele conoscere nei commenti.

Inoltre, fate sapere alle persone che viaggiano con voi che avete una condizione che può portarvi ad avere delle urgenze intestinali. La sindrome dell’intestino irritabile fa parte delle malattie più comuni, non siate dunque sorpresi se non siete i soli in questa situazione! Potrete scambiarvi ulteriori consigli con le persone nella vostra stessa situazione.

Ricordate questi consigli generali

  • Masticate bene il cibo, la digestione inizia dall’ingresso degli alimenti nella bocca.
  • Evitate  le gomme da masticare, fanno entrare aria nel vostro sistema digerente e possono portare a dei sintomi come gonfiori e gas intestinali.
  • Evitate le bevande gassate e limitate quelle che contengono caffeina o alcool.
  • Bevete molti liquidi, idealmente acqua. L’idratazione gioca un ruolo cruciale nella gestione dei sintomi associati alla SII. In effetti, bere dell’acqua può aiutare ad alleviare sia la diarrea che la stitichezza.
  • Nella speranza  di esservi stata utile, vi auguro un buon viaggio.  E soprattutto non dimenticatevi che la cosa più importante è di divertirvi il più possibile!

Fonte

Dietitians of Canada. (30 décembre 2015). Directives pour une alimentation saine à l’intention des personnes qui souffrent du syndrome de l’intestin irritable.
El-Seraq, HB. (2003). Impact of Irritable Bowel Syndrome: prevalence and effect on health-related quality of life.
Stephanie Clairmont. (10 janvier 2016). How to Cope with IBS on Vacation.

The following two tabs change content below.

Autori

Jef L'Ecuyer

Jef L’Ecuyer

Registered Dietitian, RD at SOScuisine.com

Dt.P., Nutrizionista
Nutrizionista/dietista, membro dell’OPDQ e dei Dietisti del Canada, Jef propone una visione semplice, efficace e pratica riguardo la pianificazione dei pasti quotidiani.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *