Psoriasi: esiste la giusta dieta?

18 agosto, 2022 ,

La psoriasi è una delle più frequenti malattie infiammatorie croniche della pelle, dovuta sia a familiarità che a meccanismi autoimmuni. La prevalenza tra la popolazione asiatica e africana è bassa (2%), mentre tra la popolazione caucasica si eleva all’11%. La psoriasi può andare incontro a periodi di remissione e periodi di riesacerbazione.

Classificazione clinica

Le manifestazioni dermatologiche sono molto varie. Queste possono andare dalla forma più comune, la cosiddetta psoriasi volgare, caratterizzata da placche eritematose fortemente demarcate e pruriginose, che si distribuiscono soprattutto a livello del tronco, del cuoio capelluto e delle superfici estensorie degli arti (gomiti e ginocchia), alla psoriasi inversa caratterizzata da placche eritematose e chiazze. La psoriasi guttata è frequente in età infantile e adolescenziale ed è spesso scatenata da infezioni streptococciche delle tonsille. La psoriasi pustolosa, invece, si identifica per la presenza di pustole coalescenti distribuite su tutto il corpo o in zone localizzate.

In circa il 40% dei pazienti con psoriasi si riscontra l’artrite psoriasica, una forma di artrite sieronegativa che si manifesta a carico delle giunture e di alcuni annessi cutanei, come le unghie.

Comorbidità e fattori di rischio

La psoriasi presenta diversi fattori di rischio intrinseci e comorbidità, quali:

  • Ipertensione
  • Diabete mellito
  • Dislipidemie (aumento dei valori dei trigliceridi e/o del colesterolo nel sangue)
  • Stress

Si riconoscono anche una serie di fattori di rischio estrinseci, quali lo stress meccanico, l’inquinamento atmosferico, le infezioni, il fumo e l’alcool. E’ indubbio, quindi, che la psoriasi abbia una forte influenza sulla qualità di vita del paziente.

Terapia

Le terapie farmacologiche sono diverse e hanno lo scopo di abbassare l’infiammazione e di regolare la risposta immunitaria alla base del processo psoriasico.
In abbinamento alla terapia farmacologica, però, è stato notato come un cambio di abitudini alimentari possa determinare un netto miglioramento non solo delle lesioni psoriasiche ma anche delle comorbidità a queste associate.

Pages: 1 2

Autori

Antonella Giordano
Ha una laurea specialistica in Biologia del comportamento (Università di Firenze), un master universitario di II livello in Alimentazione ed Educazione (Università di Bologna) e una laurea specialistica in Scienze dell'alimentazione (Università di Genova). E’ membro dell’Ordine dei Biologi (ONB) dal 2013 e socia SINU. Appassionata di tematiche di psico-nutrizione, il suo obiettivo è quello di far trovare un equilibrio e un rapporto sano e corretto con il cibo e con il proprio corpo, non dimenticando mai che la scelta di quello che mangiamo è un atto importante per noi stessi, per chi ci circonda e per il mondo che ci ospita.

Leave a Reply

Your email address will not be published.

Questo sito web utilizza dei cookie per offrire la migliore esperienza utente e assicurare buone prestazioni, la comunicazione con i social network o la visualizzazione di annunci pubblicitari. Cliccando su "ACCETTO", acconsenti all'uso dei cookie in conformità con la nostra politica sulla privacy.

La nostra newsletter settimanale include:

  • Il tuo nuovo menu
  • Ricette e consigli su come mangiare sano
  • Ogni tanto, promozioni su prodotti e servizi di SOSCuisine e alcuni partner di fiducia
  • Ogni tanto, inviti ad aiutare la ricerca scientifica, rispondendo a sondaggi o participando a studi
  • Il tuo indirizzo email non sarà mai trasmesso a terzi e potrai ritirare il tuo consenso in qualsiasi momento.
SOSCuisine, 3470 Stanley, bureau 1605, Montréal, QC, H3A 1R9, Canada.