Respirazione diaframmatica in 4 passaggi

31 ottobre, 2022 , , ,

Il sistema nervoso autonomo, che regola tutti i processi corporei involontari, è suddiviso in due sistemi con azioni opposte: il sistema nervoso parasimpatico e il sistema nervoso simpatico. Questi ultimi controllano gli effetti dello stress e del rilassamento sull’organismo. Il sistema nervoso simpatico può talvolta rilasciare troppi ormoni e causare un elevato stato di tensione, mentre il sistema nervoso parasimpatico agisce riducendo questo rilascio eccessivo di ormoni, favorendo così il rilassamento.

Lo stress è sia causa che conseguenza dei sintomi digestivi. Si tratta di un circolo vizioso. Ad esempio, il dolore o l’urgenza di un movimento intestinale possono causare molto stress, che a sua volta può peggiorare i sintomi digestivi attivando il sistema nervoso simpatico, che rilascia ormoni in grado di influenzare la digestione (soprattutto la motilità e la sensibilità al dolore) e di provocare vari sintomi digestivi.

La respirazione diaframmatica è utilizzata da diversi secoli. È una tecnica molto semplice che aiuta a rilassarsi, ad attivare il sistema nervoso parasimpatico e a spezzare il ciclo dei sintomi e dello stress. È stato dimostrato che migliora la motilità intestinale e riduce la percezione del dolore.

Ecco come eseguire la respirazione diaframmatica seguendo quattro passaggi:

  1. Sdraiatevi comodamente con le gambe distese in avanti.
  2. Appoggiate una mano sul petto e l’altra sull’addome, sopra l’ombelico.
  3. Inspirate dal naso ed espirate dalla bocca. Quando espirate, la bocca deve essere aperta. L’operazione deve essere eseguita lentamente. Contare fino a cinque ad ogni inspirazione/trattenimento/espirazione. L’obiettivo è che l’addome si sollevi durante l’inspirazione e si rilassi durante l’espirazione, mentre il petto e le spalle rimangono fermi. Per aiutarvi, immaginate che un palloncino si gonfi e si sgonfi all’interno dell’addome.
  4. Praticate questo esercizio di respirazione per cinque minuti almeno una volta al giorno, e idealmente tre volte al giorno se soffrite di sintomi digestivi.

Nota: quando vi sentirete sufficientemente preparati, potrete provare a svolgere questo esercizio in posizione seduta o in piedi.

Autori

Kathryn Adel
Kathryn è titolare di una laurea in kinesiologia e una in alimentazione, e di un master in alimentazione sportiva. È membro dell’OPDQ e dell’Academy of Nutrition and Dietetics. Atleta di mezzofondo, ha corso per la squadra olimpica di Montréal e il Rouge et Or. Kathryn è specializzata in alimentazione sportiva, perdita di peso, diabete, salute cardiovascolare e gastrointestinale. Kathryn ha molta esperienza con l'approccio FODMAP e ha completato la certificazione dell'Università Monash.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito web utilizza dei cookie per offrire la migliore esperienza utente e assicurare buone prestazioni, la comunicazione con i social network o la visualizzazione di annunci pubblicitari. Cliccando su "ACCETTO", acconsenti all'uso dei cookie in conformità con la nostra politica sulla privacy.

La nostra newsletter settimanale include:

  • Il tuo nuovo menu
  • Ricette e consigli su come mangiare sano
  • Ogni tanto, promozioni su prodotti e servizi di SOSCuisine e alcuni partner di fiducia
  • Ogni tanto, inviti ad aiutare la ricerca scientifica, rispondendo a sondaggi o participando a studi
  • Il tuo indirizzo email non sarà mai trasmesso a terzi e potrai ritirare il tuo consenso in qualsiasi momento.
SOSCuisine, 3470 Stanley, bureau 1605, Montréal, QC, H3A 1R9, Canada.