Come riconoscere gli alimenti ultra-lavorati?

21 marzo, 2020

In un articolo precedente ho accennato al fatto che in numerosi paesi i prodotti ultra-lavorati rappresentano quasi la metà dell’apporto calorico, e che questi alimenti sono nocivi per la salute. A seguito di questo articolo un lettore mi ha domandato come riconoscere gli alimenti ultra-lavorati. Si chiedeva se il tofu e gli yogurt zuccherati alla frutta potessero essere considerati anch’essi degli alimenti ultra-lavorati, alla stregua delle crocchette di pollo industriali.

È risaputo che nella nostra alimentazione quotidiana è importante privilegiare gli alimenti freschi, come frutta e verdura fresca o surgelata, uova, carne, pollame, pesce, frutti di mare, frutta a guscio e semi, legumi, riso, pasta, couscous, farina, latte, yogurt bianco senza zucchero, erbe aromatiche, aglio…

Gli industriali possono utilizzare delle tecniche di lavorazione per prolungare la durata e le caratteristiche organolettiche di questi alimenti freschi, come ad esempio l’aggiunta di zucchero, sale o olio. In questo caso parliamo di alimenti lavorati. In questa categoria troviamo gli alimenti in scatola (verdura, frutta, legumi, pesce…), la carne e il pesce affumicato, il tofu, il pane prodotto dai panifici, il formaggio e il burro di noci e di semi.

Occorre differenziare questa categoria dagli alimenti ultra-lavorati, che non solo contengono degli ingredienti aggiunti come zucchero, olio e sale, ma anche degli ingredienti che in genere non sono presenti nelle nostre dispense, come gli additivi alimentari (conservanti, coloranti, addensanti, aromi artificiali, gelificanti, emulsionanti, edulcoranti, esaltatori di sapidità…), oli idrogenati, isolati proteici, sciroppo di mais ad alto tenore di fruttosio… Il modo migliore per riconoscere un alimento ultra-lavorato è prestare particolare attenzione alla lista degli ingredienti: se la lista è lunga, se contiene degli ingredienti incomprensibili, o se non sono degli ingredienti che potreste avere nella vostra dispensa, si tratta certamente di un prodotto ultra-lavorato. Occorre anche diffidare degli imballaggi e delle pubblicità ingannevoli. Alcuni alimenti ultra-lavorati vengono definiti dagli industriali come sani, senza zucchero e persino biologici.

Tra gli alimenti ultra-lavorati troviamo la maggior parte dei seguenti prodotti: biscotti, dolci, barrette tenere, dolciumi al cioccolato, caramelle, bevande zuccherate, bevande energetiche, prodotti lattiero-caseari zuccherati, yogurt zuccherati, pane industriale, cracker, patatine fritte, snack salati, cereali per la colazione, fiocchi d’avena aromatizzati, piatti pronti surgelati (pizze, crocchette di pollo, pasta…), salsiccia, minestre pronte, salse e condimenti, sostituti dello zucchero, edulcoranti…

Come potete vedere la lista è davvero lunga!

Per rispondere al nostro lettore, possiamo quindi dire che il tofu è un alimento lavorato, e che fa parte di un’alimentazione equilibrata, mentre lo yogurt zuccherato alla frutta, così come le crocchette di pollo, fanno parte degli alimenti ultra-lavorati, e vanno quindi evitati.

Sarebbe opportuno sostituire lo yogurt industriale con uno yogurt bianco arricchito di frutta fresca e un po’ di sciroppo d’acero, ed evitare le crocchette di pollo confezionate preparandole a casa.

Se abbiamo a cuore la nostra salute è indispensabile eliminare i prodotti ultra-lavorati dal nostro piatto. Il miglior consiglio che possiamo darvi è di pianificare con cura i pasti nell’arco della settimana, acquistare alimenti freschi e cucinarli a casa. Non perdetevi d’animo: con un po’ di buona volontà e una giusta dose di organizzazione tutto è possibile. Ricordate inoltre che potete sempre contare su di noi per accompagnarvi in questo vostro percorso.


Fonti

The following two tabs change content below.

Autori

Jennifer Morzier

Jennifer Morzier

Dietista-Nutrizionista membro dell’Albo professionale dei dietisti-nutrizonisti del Québec (OPDQ) , Jennifer è specializzata sia in nutrizione sportiva che in problematiche gastrointestinali, tra cui la dieta FODMAP. Jennifer propone una visione semplice, efficace e pratica riguardo la pianificazione dei pasti quotidiani.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

La nostra newsletter settimanale include:

  • Il tuo nuovo menu
  • Ricette e consigli su come mangiare sano
  • Ogni tanto, promozioni su prodotti e servizi di SOSCuisine e alcuni partner di fiducia
  • Ogni tanto, inviti ad aiutare la ricerca scientifica, rispondendo a sondaggi o participando a studi
  • Il tuo indirizzo email non sarà mai trasmesso a terzi e potrai ritirare il tuo consenso in qualsiasi momento.
SOSCuisine, 3470 Stanley, bureau 1605, Montréal, QC, H3A 1R9, Canada.