Le solanacee sono pericolose per la salute?

9 agosto, 2021 , ,

In ambito nutrizionale capita spesso di sentire affermazioni contraddittorie. Come fare allora a orientarsi quando un giorno ci sentiamo dire che dovremmo eliminare un alimento dalla nostra dieta, e il giorno dopo ci viene detto che dobbiamo assolutamente averlo nel nostro piatto? Probabilmente avrete sentito dire che le solanacee sono pericolose per la salute, perché contengono composti tossici e dovrebbero quindi essere evitate. Ma dovremmo davvero eliminare le solanacee dalla nostra dieta? E se sì, perché?

Prima di tutto, cosa sono le solanacee?

La famiglia delle solanacee (Solanaceae) comprende un centinaio di generi e oltre 2.700 specie di piante, tra cui frutta e verdura, piante industriali (tabacco) e numerose piante ornamentali.

Per quanto riguarda la frutta e la verdura, molte specie di solanacee sono comunemente consumate: pomodoro, melanzana, patata, peperone, peperoncino, bacche di goji… Anche varie erbe e spezie sono derivate da queste verdure, tra cui il pepe di Caienna, il peperoncino e la paprika.

Le solanacee sono pericolose per la salute?

Le solanacee contengono lectine e alcaloidi, dei composti considerati tossici se ingeriti in grandi quantità. Questi composti sono presenti nella pianta perché si pensa che svolgano un ruolo protettivo contro batteri patogeni, virus, funghi e alcuni insetti predatori.

Per maggiori informazioni sulle lectine, vi invito a leggere il nostro articolo a riguardo.

Nelle varie specie di frutta e verdura sono presenti diversi tipi di alcaloidi, e alcuni sono più tossici di altri. Per esempio, quelli contenuti nelle patate sono più tossici per l’uomo di quelli contenuti nei pomodori.

Se assunti in grandi quantità, gli alcaloidi possono causare sintomi come sudorazione, nausea, diarrea, crampi addominali, mal di testa, broncospasmo, sonnolenza, agitazione, tremori, confusione e disturbi della vista.

Diversi fattori possono aumentare significativamente il contenuto di alcaloidi nella frutta e nella verdura: la genetica, le condizioni di conservazione, l’esposizione alla luce o le ammaccature durante la raccolta. Queste sostanze si trovano principalmente nei fiori, nelle foglie, nei germogli e nella buccia di frutta e verdura.

Quando un cibo contiene alti livelli di alcaloidi può avere un forte sapore amaro in bocca e causare sensazioni di bruciore.

Tuttavia non è il caso di preoccuparsi. Le solanacee sono consumate regolarmente da milioni di persone in tutto il mondo, e l’avvelenamento è relativamente raro, perciò abbiamo la certezza che i bassi livelli di alcaloidi contenuti in questi alimenti non sono pericolosi.

Cosa dicono gli studi scientifici?

Degli studi effettuati sui topi suggeriscono che gli alcaloidi contenuti nelle patate hanno un effetto citotossico sulla membrana cellulare, che può influenzare la permeabilità intestinale e aumentare l’infiammazione dell’intestino in individui predisposti a malattie infiammatorie intestinali (MICI).

Alcune persone li accusano di essere pro-infiammatori, e di aggravare potenzialmente i sintomi di chi è affetto da malattie autoimmuni (come celiachia, sclerosi multipla e artrite reumatoide). Ecco perché diverse persone scelgono di escluderli dalla loro dieta.

Per il momento le conoscenze scientifiche di cui disponiamo non ci permettono di fare raccomandazioni su questo argomento. Infatti, prima che si possano fare delle raccomandazioni nutrizionali, sono necessarie ulteriori ricerche per scoprire se questi risultati siano applicabili all’uomo, e se possano essere estesi a tutte le solanacee.

Le solanacee sono ricche di nutrienti!

Frutta e verdura sono eccellenti fonti di vitamine, minerali, antiossidanti e fibre con molti effetti benefici sulla nostra salute. Non per niente i nutrizionisti raccomandano di riempire metà del nostro piatto con verdure e frutta di vari colori ad ogni pasto e spuntino.

Ecco alcune buone ragioni per mangiare le solanacee:

  • I peperoni rossi e i pomodori sono ricchi di vitamine A e C, che agiscono come antiossidanti nel corpo e aiutano a combattere le infezioni virali e batteriche, a proteggere le pareti dei vasi sanguigni, a ridurre il rischio di aterosclerosi e a ottimizzare l’assorbimento del ferro. I pomodori contengono anche licopene, un carotenoide molto potente che può prevenire alcuni tipi di cancro e malattie cardiache, oltre a rafforzare il sistema immunitario.
  • Le patate sono ricche di fibre e nutrienti, tra cui potassio, vitamina B6 e manganese.
    Rispetto alle verdure, le patate sono ricche di amido, ed è per questo che vengono definite un alimento amidaceo. Mangiate con moderazione fanno parte di una dieta equilibrata. È preferibile cucinarle senza friggerle, evitando di aggiungere troppo burro e panna. Il modo migliore per gustarle è mangiarle al naturale, insaporite con delle erbe aromatiche.
  • Alcuni studi hanno dimostrato che il consumo di piante solanacee, in particolare di peperoni, è associato a un minor rischio di sviluppare il morbo di Parkinson.
  • Inoltre, sembra che le piante solanacee possano aiutare ad abbassare i livelli di colesterolo alto.

Alcune precauzioni da adottare

  • Mangiate frutta o verdura matura, perché la concentrazione di alcaloidi è più bassa rispetto a quando l’alimento è acerbo. In più anche il sapore sarà migliore.
  • Eliminate completamente il peduncolo, perché è qui che gli alcaloidi sono più concentrati.
  • Rimuovete tutte le parti danneggiate, marce o germogliate della vostra frutta e verdura.
  • Conservate le patate in un luogo fresco, asciutto e al riparo dalla luce.
  • Sbucciate le patate per rimuovere la maggior parte degli alcaloidi.
  • Consumate con moderazione i pomodori verdi e i prodotti che li contengono.
  • Non mangiate gli steli e le foglie delle solanacee.

Vi ricordiamo che la cottura non riduce il contenuto di alcaloidi degli alimenti.

In conclusione:

Escludere le solanacee dalla nostra dieta non è una soluzione auspicabile, poiché questi alimenti contengono molti nutrienti essenziali per una buona salute.
Se avvertite dei sintomi, digestivi o di altra natura, che pensate siano legati al cibo che state mangiando, o se siete affetti da una malattia autoimmune, vi suggeriamo di parlare con una nutrizionista che potrà aiutarvi a rivedere la vostra dieta consigliandovi i cambiamenti necessari per alleviare i vostri sintomi, massimizzando al contempo la varietà alimentare.

 

Fonti

1- La Nutrition. 2017. « Tout savoir sur la tomate ». https://www.lanutrition.fr/tout-savoir-sur-la-tomate [consultato 30 luglio 2021].

2- Gouvernement du Canada. 2011. «Les glyco-alcaloïdes dans les aliments». https://www.canada.ca/fr/sante-canada/services/aliments-nutrition/rapports-publications/salubrite-aliments/glyco-alcaloides-aliments.html  [consultato 30 luglio 2021].

3- Revue médicale Suisse. 2013. «Fruits et légumes : peuvent-ils être dangereux ?» revmed.ch/revue-medicale-suisse/2013/revue-medicale-suisse-394/fruits-et-legumes-peuvent-ils-etre-dangereux [consultato 30 luglio 2021].

4- Przybylska, S. (2020). Lycopene–a bioactive carotenoid offering multiple health benefits: a review. International Journal of Food Science & Technology, 55(1), 11-32.

5- Patel, B., Schutte, R., Sporns, P., Doyle, J., Jewel, L., & Fedorak, R. N. (2002). Potato glycoalkaloids adversely affect intestinal permeability and aggravate inflammatory bowel disease. Inflammatory bowel diseases, 8(5), 340-346.

6- Iablokov, V., Sydora, B. C., Foshaug, R., Meddings, J., Driedger, D., Churchill, T., & Fedorak, R. N. (2010). Naturally occurring glycoalkaloids in potatoes aggravate intestinal inflammation in two mouse models of inflammatory bowel disease. Digestive diseases and sciences, 55(11), 3078-3085.

7- Fasano, A., & Shea-Donohue, T. (2005). Mechanisms of disease: the role of intestinal barrier function in the pathogenesis of gastrointestinal autoimmune diseases. Nature clinical practice Gastroenterology & hepatology, 2(9), 416-422.

8- Arrieta, M. C., Bistritz, L., & Meddings, J. B. (2006). Alterations in intestinal permeability. Gut, 55(10), 1512-1520.

9- Nielsen, S. S., Franklin, G. M., Longstreth, W. T., Swanson, P. D., & Checkoway, H. (2013). Nicotine from edible Solanaceae and risk of Parkinson disease. Annals of neurology, 74(3), 472-477.

10- Dougnon, T. V., Bankolé, H. S., Klotoé, J. R., Sènou, M., Fah, L., Koudokpon, H., … & Boko, M. (2014). Treatment of hypercholesterolemia: screening of Solanum macrocarpon Linn (Solanaceae) as a medicinal plant in Benin. Avicenna journal of phytomedicine, 4(3), 160.

The following two tabs change content below.

Autori

Jennifer Morzier

Jennifer Morzier

Dietista-Nutrizionista membro dell’Albo professionale dei dietisti-nutrizonisti del Québec (OPDQ) , Jennifer è specializzata sia in nutrizione sportiva che in problematiche gastrointestinali, tra cui la dieta FODMAP. Jennifer propone una visione semplice, efficace e pratica riguardo la pianificazione dei pasti quotidiani.

Jennifer Morzier

Articoli recenti diJennifer Morzier (vedi tutti)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito web utilizza dei cookie per offrire la migliore esperienza utente e assicurare buone prestazioni, la comunicazione con i social network o la visualizzazione di annunci pubblicitari. Cliccando su "ACCETTO", acconsenti all'uso dei cookie in conformità con la nostra politica sulla privacy.

La nostra newsletter settimanale include:

  • Il tuo nuovo menu
  • Ricette e consigli su come mangiare sano
  • Ogni tanto, promozioni su prodotti e servizi di SOSCuisine e alcuni partner di fiducia
  • Ogni tanto, inviti ad aiutare la ricerca scientifica, rispondendo a sondaggi o participando a studi
  • Il tuo indirizzo email non sarà mai trasmesso a terzi e potrai ritirare il tuo consenso in qualsiasi momento.
SOSCuisine, 3470 Stanley, bureau 1605, Montréal, QC, H3A 1R9, Canada.