Modificare il nostro microbiota per perdere peso

2 febbraio, 2022 , ,

Sapevate che il nostro microbiota, l’insieme dei batteri che si trovano nel nostro tratto gastrointestinale, può influenzare la nostra capacità di perdere peso?

Il microbiota è composto da trilioni di batteri e da archeobatteri di oltre mille specie diverse. La ricerca indica che la diversità di questi microbi può avere un effetto preventivo sull’aumento di peso a lungo termine. Le specie di batteri presenti nel microbiota differiscono da persona a persona. Per esempio, la maggior parte degli studi ha notato che il rapporto tra Firmicutes e Bacteroidetes è significativamente più alto nei soggetti obesi. Inoltre, gli studi hanno mostrato correlazioni tra una maggiore quantità di Bacteroidetes nelle feci e la perdita di peso, e tra Firmicutes e lo sviluppo dell’obesità.

Vi sono diversi potenziali meccanismi d’azione che spiegano come il microbiota possa influenzare la gestione del peso corporeo. Si pensa che il microbiota svolga un ruolo nell’infiammazione e nel metabolismo, compresa la produzione di acidi grassi a catena corta. La disbiosi intestinale, ossia un’alterazione dell’equilibrio dei batteri nell’intestino, può favorire l’aumento di peso. Gli studi hanno dimostrato che l’esposizione agli antibiotici all’età di due anni aumenta la probabilità di sviluppare l’obesità più tardi nella vita, e che le alterazioni nel microbiota intestinale dopo l’uso di antibiotici possono portare all’aumento di peso. La disbiosi intestinale, legata all’aumento delle specie di Firmicutes, è stata associata a cambiamenti negli ormoni digestivi (gastrina, colecistochinina, somatostatina e grelina), che possono portare a una diminuzione della sazietà e a un aumento dell’appetito e dell’assunzione di calorie.

I ricercatori dell’Università di Washington, negli Stati Uniti, hanno recentemente dimostrato in uno studio clinico che la composizione del microbiota può aiutare a prevedere il potenziale di perdita di peso. Per capire l’effetto dei batteri intestinali sulla perdita di peso, i ricercatori hanno esaminato 105 persone in sovrappeso, tutte iscritte a un programma di dimagrimento di un anno. Hanno scoperto che coloro che hanno perso peso (almeno l’1% del loro peso corporeo in media ogni mese) avevano più batteri benefici nel loro intestino. Anche se questi risultati dovranno essere verificati con un gruppo più grande di soggetti, sono molto promettenti per le persone che cercano di perdere peso senza riacquistarlo, perché, a differenza dei geni, il microbiota intestinale di una persona può essere modificato. I metodi per modificare il microbiota possono includere cambiamenti nella dieta, integrazione con probiotici e prebiotici, e trattamenti più avanzati come il trapianto fecale.

Gli integratori di probiotici e la perdita di peso

È stata condotta una meta-analisi comprendente 12 studi randomizzati controllati per un totale di 821 soggetti per esaminare l’effetto degli integratori probiotici sulla composizione corporea in adulti sovrappeso e obesi. Gli adulti che hanno ricevuto probiotici hanno mostrato riduzioni significative del peso corporeo, BMI, circonferenza vita e percentuale di grasso corporeo rispetto agli adulti nel gruppo di controllo.

Una revisione sistematica che include 14 studi clinici ha inoltre dimostrato che gli integratori probiotici possono aiutare la perdita di peso e di grasso nei soggetti in sovrappeso. I risultati suggeriscono che gli effetti benefici dipendono dal ceppo di probiotico scelto. I probiotici che possono essere utili per la perdita di peso includono diverse specie di Lactobacillus, come L. gasseri, L. rhamnosus, L. amylovorus, L. plantarum, L. curvatus, L. acidophilus e L. casei. Gli effetti benefici sul peso e sul grasso corporeo sembrano verificarsi quando i probiotici vengono consumati per almeno 12 settimane. L’effetto benefico di questi microrganismi potrebbe essere associato a una modulazione del microbiota alterato nei soggetti in sovrappeso. Sono necessari ulteriori studi per determinare i migliori ceppi per la perdita di peso, la dose e la durata del trattamento per ottenere risultati benefici.

Alimentazione e microbiota

L’occidentalizzazione delle abitudini alimentari porta alla disbiosi intestinale. In effetti, è stato dimostrato che una dieta ricca di grassi e povera di fibre riduce la diversità del microbiota e la presenza di batteri intestinali buoni. Al contrario, una dieta ad alto contenuto di fibre che include una varietà di alimenti vegetali non trasformati (frutta, verdura, cereali integrali, frutta a guscio, semi, legumi) aumenta la diversità dei batteri intestinali, ed è stata associata a un ridotto aumento di peso, indipendentemente dall’apporto energetico. In questo senso, gli studi suggeriscono che una dieta vegetariana, così come la  dieta mediterranea  promuovono un equilibrio batterico favorevole alla perdita di peso (aumento dei Bacteroidetes e diminuzione dei Firmicutes).

Se volete perdere peso, la nostra dieta “Dimagrire mediterranea” ti aiuterà con pasti equilibrati, ricchi di alimenti a base vegetale, che nutriranno correttamente il vostro microbiota.

Fonti

  • Aoun, Darwish et Hamod (2020) The Influence of the Gut Microbiome on Obesity in Adults and the Role of Probiotics, Prebiotics, and Synbiotics for Weight Loss. Prev Nutr Food Sci; 25(2): 113–123.
  • Diener et coll (2021) Baseline Gut Metagenomic Functional Gene Signature Associated with Variable Weight Loss Responses following a Healthy Lifestyle Intervention in Humans. mSystems 6:e00964-21.
  • Wang et coll. (2019) The Potential Role of Probiotics in Controlling Overweight/Obesity and Associated Metabolic Parameters in Adults: A Systematic Review and Meta-Analysis. Evid Based Complement Alternat Med; 2019: 3862971.
  • Crovesy et coll. (2017) Effect of Lactobacillus on body weight and body fat in overweight subjects: a systematic review of randomized controlled clinical trials. International Journal of Obesity; 41:1607–14.
  • Skokovic-Sunjic (2021) Clinical Guide to Probiotic Products Available in Canada 2021 Edition.

Autori

Kathryn Adel
Kathryn è titolare di una laurea in kinesiologia e una in alimentazione, e di un master in alimentazione sportiva. È membro dell’OPDQ e dell’Academy of Nutrition and Dietetics. Atleta di mezzofondo, ha corso per la squadra olimpica di Montréal e il Rouge et Or. Kathryn è specializzata in alimentazione sportiva, perdita di peso, diabete, salute cardiovascolare e gastrointestinale. Kathryn ha molta esperienza con l'approccio FODMAP e ha completato la certificazione dell'Università Monash.

Leave a Reply

Your email address will not be published.

Questo sito web utilizza dei cookie per offrire la migliore esperienza utente e assicurare buone prestazioni, la comunicazione con i social network o la visualizzazione di annunci pubblicitari. Cliccando su "ACCETTO", acconsenti all'uso dei cookie in conformità con la nostra politica sulla privacy.

La nostra newsletter settimanale include:

  • Il tuo nuovo menu
  • Ricette e consigli su come mangiare sano
  • Ogni tanto, promozioni su prodotti e servizi di SOSCuisine e alcuni partner di fiducia
  • Ogni tanto, inviti ad aiutare la ricerca scientifica, rispondendo a sondaggi o participando a studi
  • Il tuo indirizzo email non sarà mai trasmesso a terzi e potrai ritirare il tuo consenso in qualsiasi momento.
SOSCuisine, 3470 Stanley, bureau 1605, Montréal, QC, H3A 1R9, Canada.