Colon irritabile: quando la dieta FODMAP non funziona

4 luglio, 2022 ,

Altre condizioni da considerare

  • Alcune persone possono essere intolleranti alla beta-caseina di tipo A2, una variante di un tipo di proteina presente nel latte vaccino. In questo caso di solito i sintomi si manifestano rapidamente dopo l’ingestione di prodotti lattiero-caseari, anche senza lattosio, e possono includere vari disturbi (diarrea, costipazione, gas, gonfiore, forti crampi addominali). Per maggiori informazioni, potete leggere quest’articolo.
  • Alcune persone possono avere un’intolleranza all’istamina, che si sviluppa quando l’organismo produce più istamina di quanta ne riesca a smaltire. Se per qualsiasi motivo i livelli di istamina nell’organismo sono elevati, il consumo di alimenti ad alto contenuto di istamina può scatenare una serie di sintomi che possono variare da persona a persona. Proprio come le persone intolleranti ai FODMAP, anche quelle con intolleranza all’istamina possono manifestare sintomi digestivi. Tuttavia, a differenza dell’intolleranza ai FODMAP, l’intolleranza all’istamina è solitamente accompagnata anche da sintomi non digestivi, tra i quali senso di oppressione alla gola o al petto, palpitazioni, emicrania, mal di testa, vertigini, dolori articolari o muscolari, vampate di calore, prurito, orticaria o eczema, affaticamento, depressione e congestione nasale. I sintomi possono variare notevolmente da persona a persona. In genere, i sintomi possono manifestarsi subito dopo l’ingestione di un alimento scatenante o più tardi (da due a quattro ore dopo). Talvolta i sintomi possono variare a seconda delle stagioni. Per maggiori informazioni sull’intolleranza all’istamina, potete leggere quest’articolo.
  • La SIBO (Small Intestinal Bacterial Overgrowth) è un aumento del numero di batteri nell’intestino tenue che normalmente si trovano in gran numero nel colon, con conseguente fermentazione eccessiva, infiammazione e malassorbimento. I sintomi digestivi della SIBO assomigliano molto a quelli dello SCI, rendendo difficile la demarcazione diagnostica. Per maggiori informazioni, potete leggere quest’articolo.

Conclusione

In conclusione, una nutrizionista specializzata in salute gastrointestinale può eseguire una valutazione nutrizionale per aiutare a identificare le cause alimentari dei sintomi digestivi e suggerire modifiche alla dieta per risolverli.

Fonti

1) Hookway et coll. (2015). Irritable bowel syndrome in adults in primary care: Summary of updated NICE guidance. BMJ; 350:h701.

2) Singh et coll. (2022) The Role of Food in the Treatment of Bowel Disorders: Focus on Irritable Bowel Syndrome and Functional Constipation. Am J Gastroenterol;117:947–957.

3) Kim et coll. (2020) Sucrase-Isomaltase Deficiency as a Potential Masquerader in Irritable Bowel Syndrome. Dig Dis Sci; 65(2):534-540.

4) Daileda et coll (2016) Disaccharidase Activity in Children Undergoing Esophagogastroduodenoscopy: A Systematic Review. World Journal of Gastrointestinal Pharmacology and Therapeutics; 7(2): 283–93.

5) https://www.sucroseintolerance.com/2017/02/24/4-4-4-challenge-simple-home-test-sucrose-intolerance/

6) https://www.sucraid.com

7) Camilleri (2015) Bile Acid Diarrhea: Prevalence, Pathogenesis, and Therapy. Gut Liver; 9(3): 332–339.

Pages: 1 2 3

Autori

Kathryn Adel
Kathryn è titolare di una laurea in kinesiologia e una in alimentazione, e di un master in alimentazione sportiva. È membro dell’OPDQ e dell’Academy of Nutrition and Dietetics. Atleta di mezzofondo, ha corso per la squadra olimpica di Montréal e il Rouge et Or. Kathryn è specializzata in alimentazione sportiva, perdita di peso, diabete, salute cardiovascolare e gastrointestinale. Kathryn ha molta esperienza con l'approccio FODMAP e ha completato la certificazione dell'Università Monash.

Leave a Reply

Your email address will not be published.

Questo sito web utilizza dei cookie per offrire la migliore esperienza utente e assicurare buone prestazioni, la comunicazione con i social network o la visualizzazione di annunci pubblicitari. Cliccando su "ACCETTO", acconsenti all'uso dei cookie in conformità con la nostra politica sulla privacy.

La nostra newsletter settimanale include:

  • Il tuo nuovo menu
  • Ricette e consigli su come mangiare sano
  • Ogni tanto, promozioni su prodotti e servizi di SOSCuisine e alcuni partner di fiducia
  • Ogni tanto, inviti ad aiutare la ricerca scientifica, rispondendo a sondaggi o participando a studi
  • Il tuo indirizzo email non sarà mai trasmesso a terzi e potrai ritirare il tuo consenso in qualsiasi momento.
SOSCuisine, 3470 Stanley, bureau 1605, Montréal, QC, H3A 1R9, Canada.