Tutto quello che c’è da sapere sull’intolleranza all’istamina

19 agosto, 2020 ,

Ad oggi, non c’è consenso su come diagnosticare l’intolleranza all’istamina. La non specificità dei sintomi e la mancanza di strumenti diagnostici convalidati spingono molte persone a consultare diversi specialisti alla ricerca di una spiegazione e di una soluzione ai loro sintomi. L’unico modo per identificare l’intolleranza all’istamina è seguire una dieta di eliminazione specifica. Si possono anche eseguire dei test aggiuntivi, come la misurazione dei livelli di enzimi DAO nel sangue, test genetici, test di provocazione dell’istamina, identificazione di polimorfismi genetici e determinazione di biomarcatori del metabolismo dell’istamina nei campioni di urina o feci. Va notato che alcune persone possono essere intolleranti ad altri composti chimici presenti negli alimenti come solfiti, salicilati e glutammati. Il Royal Prince Alfred Hospital (RPAH) di Sydney, Australia, ha stabilito un protocollo per identificare l’intolleranza ad alcune sostanze chimiche negli alimenti.

Trattamento dell’intolleranza all’istamina e dieta a basso contenuto di istamina

Va notato che l’istamina è presente nella maggior parte degli alimenti e non è possibile eliminarla completamente. L’idea è di ridurre l’assunzione di istamina, poiché i sintomi sono causati da troppa istamina nel corpo. Bisogna fare attenzione a non eliminare troppi cibi per evitare di mangiare in modo troppo restrittivo e causare altri problemi a lungo termine come carenze alimentari. Non c’è consenso sulla lista di alimenti da escludere. L’elenco qui di seguito presenta le principali fonti alimentari di istamina in base ai dati disponibili. Come accennato in precedenza, la quantità di istamina in un singolo alimento può variare notevolmente di volta in volta a seconda di vari fattori esterni tra cui la conservazione e la freschezza del cibo. Non è quindi possibile quantificare con precisione il contenuto di istamina di un alimento. Inoltre, la tolleranza di un individuo a un alimento ricco di istamina può variare di volta in volta a seconda del livello di istamina già presente nel proprio corpo. Ad esempio, alcune persone sono più sensibili ai cibi ricchi di istamina durante i periodi dell’anno in cui soffrono di allergie stagionali.

Per iniziare, si consiglia di eliminare per poche settimane solo gli alimenti con il più alto contenuto di istamina, ovvero pesce e frutti di mare tra cui tonno in scatola e gamberetti, salsa di pesce e cibi fermentati (sottaceti, crauti, salsa di soia, tempeh, miso, kefir, kombucha, birra, vino, ecc.). Questo a volte può essere sufficiente ed evita di dover adottare una dieta troppo restrittiva. Se i sintomi persistono, le principali fonti alimentari di istamina elencate di seguito possono essere eliminate per 4-8 settimane. È anche importante tenere un diario alimentare con i cibi mangiati e i sintomi.

Se si verifica un miglioramento dei sintomi con una dieta a basso contenuto di istamina, ogni alimento viene poi reintrodotto uno alla volta per identificare più precisamente quali siano quelli che causano i sintomi, poiché i trigger alimentari variano notevolmente da persona a persona. Recentemente, per le persone intolleranti che hanno una carenza dell’enzima DAO nell’intestino, si è proposta l’assunzione di integratori enzimatici DAO, come trattamento complementare per migliorare la degradazione dell’istamina alimentare.

Per seguire una dieta a basso contenuto di istamina, abbonati al nostro servizio PREMIUM o VIP, specificando nella sezione ‘Preferenze alimentari’ del tuo profilo che vuoi escludere le principali fonti alimentari di istamina.

Fonti alimentari di istamina

1) Cibi naturalmente ricchi di istamina

  • Alimenti fermentati (Kombucha, sottaceti, crauti, salsa di soia, tempeh, miso, kefir)
  • Pesce in scatola o fresco (escluso il pesce appena pescato), frutti di mare e salsa di pesce
  • Spinaci
  • Melanzane
  • Pomodori
  • Ciliegie
  • Avocado
  • Soia e tutti i prodotti derivati
  • Lievito alimentare
  • Formaggi
  • Carni lavorate o stagionate (salumi, salsicce, pancetta, bistecche frollate, ecc.)
  • Yogurt
  • Condimenti che contengono aceto (condimenti per insalata, ketchup, senape, maionese, salsa barbecue, ecc.)
  • Carne o pollame avanzato e prodotti alimentari scaduti

2) Prodotti alimentari che possono rilasciare istamina

  • Agrumi
  • Fragole
  • Pesche, albicocche e prugne
  • Papaia
  • Ananas
  • Cioccolato
  • Liquirizia
  • Alcune spezie (cannella, chiodi di garofano, anice, noce moscata, curry in polvere, peperoncino in polvere)
  • Alimenti contenenti alcuni additivi (solfiti, BHA, BHT e coloranti, in particolare tartrazina)
  • L’alcol, in particolare il vino (soprattutto rosso) e la birra (l’alcol blocca la funzione dell’enzima che scompone l’istamina)

Non è consigliabile eliminare tutti questi alimenti a lungo termine, poiché ciò potrebbe portare a inutili restrizioni, carenze alimentari, un rapporto negativo con il cibo e una riduzione della qualità della vita. Se sospettate di avere un’intolleranza all’istamina dovreste consultare anche il vostro medico e una nutrizionista specializzata in salute gastrointestinale.

*I FODMAP sono dei glucidi che fermentano nell’intestino, in parte responsabili dei sintomi nelle persone che soffrono di colon irritabile. Per maggiori informazioni, leggete quest’articolo.


Fonti

  • Maintz et Novak (2007) Histamine and histamine intolerance. Am J Clin Nutr; 85:1185–96.
  • Music et coll. (2011) Serum diamine oxidase (DAO) activity as a diagnostic test for histamine intolerance. Clin Transl Allergy; 1(Suppl 1): P115.
  • Lackner et coll. (2019) Histamine-reduced Diet and Increase of Serum Diamine Oxidase Correlating to Diet Compliance in Histamine Intolerance. Eur J Clin Nutr; 73(1):102-104.
  • San Mauro Martin, Brachero et Garicano Vilar (2016) Histamine intolerance and dietary management: A complete review. Allergol Immunopathol (Madr); 44(5):475-483
  • Communauté d’intérêts Suisse de l’intolérance à l’histamine (SIGHI). Informations sur l’histaminose / intolérance à l’histamine, pour les personnes concernées et les professionnels de la santé. Dernière mise à jour le 7 février 2019. https://www.histaminintoleranz.ch/fr/therapie_regimealimentaire.html
  • Kovacova-Hanuskova et coll. (2015) Histamine, histamine intoxication and intolerance. Allergol Immunopathol (Madr); 43(5):498-506.
  • Comas-Basté et al. (2020) Histamine Intolerance: The Current State of the Art. Biomolecules;10: 1181.

Pages: 1 2

Autori

Kathryn Adel
Kathryn è titolare di una laurea in kinesiologia e una in alimentazione, e di un master in alimentazione sportiva. È membro dell’OPDQ e dell’Academy of Nutrition and Dietetics. Atleta di mezzofondo, ha corso per la squadra olimpica di Montréal e il Rouge et Or. Kathryn è specializzata in alimentazione sportiva, perdita di peso, diabete, salute cardiovascolare e gastrointestinale. Kathryn ha molta esperienza con l'approccio FODMAP e ha completato la certificazione dell'Università Monash.

Leave a Reply

Your email address will not be published.

Questo sito web utilizza dei cookie per offrire la migliore esperienza utente e assicurare buone prestazioni, la comunicazione con i social network o la visualizzazione di annunci pubblicitari. Cliccando su "ACCETTO", acconsenti all'uso dei cookie in conformità con la nostra politica sulla privacy.

La nostra newsletter settimanale include:

  • Il tuo nuovo menu
  • Ricette e consigli su come mangiare sano
  • Ogni tanto, promozioni su prodotti e servizi di SOSCuisine e alcuni partner di fiducia
  • Ogni tanto, inviti ad aiutare la ricerca scientifica, rispondendo a sondaggi o participando a studi
  • Il tuo indirizzo email non sarà mai trasmesso a terzi e potrai ritirare il tuo consenso in qualsiasi momento.
SOSCuisine, 3470 Stanley, bureau 1605, Montréal, QC, H3A 1R9, Canada.